Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 860

Neri Parenti, nuova formula per il cinepanettone

Dopo il flop di "Vacanze di Natale a Cortina", il regista della saga di Natale targata Filmauro pensa a un cambio di rotta

Nonostante il flop di Vacanze di Natale a Cortina, resta confermato l'appuntamento a Natale con il cinepanettone targato De Laurentiis ma gli autori stanno pensando a un restyling della formula: lo rivela il regista Neri Parenti, a margine della presentazione della nuova edizione di Cortinametraggio (dove il regista sarà in giuria e presenterà il backstage di Vacanze di Natale e Cortina), in programma dal 20 al 24 marzo, che si concluderà con la premiazione dei Corti D'argento, cioè i Nastri d'argento per i corti attribuiti dal Sngci.

«È indubbio che l'ultimo, Vacanze di Natale a Cortina, sia andato meno bene del solito. È stata un'operazione nostalgia che non ha funzionato. Ora stiamo pensando a tre possibili strade, decideremo nei prossimi giorni. Potrebbe essere un nuovo Natale a..., o invece una commedia familiare, ma mi piace molto anche l'idea di un film in cui si parli con leggerezza di un fenomeno di costume».

In attesa di decidere, resta una certezza: «De Sica ci sarà e per il cast probabilmente andremo a pescare anche fra qualche amico dei film scorsi, penso a Massimo Ghini ad esempio». Niente da fare invece per un possibile ritorno di Massimo Boldi: «Era la quarta strada ma De Laurentiis l'ha esclusa, e anche a me non convinceva. C'era il rischio che fosse solo una minestra riscaldata».

Per Parenti è positivo che a Natale 2012 esca anche il nuovo film di Checco Zalone: «Sono contento, ci toglie da dosso un bel pò di pressione, gli occhi saranno soprattutto sui suoi risultati, noi correremo per il podio, anche perchè quest'anno la competizione è dura, visto che esce anche un filmone come The Hobbit». E a proposito di fenomeni recenti come I soliti idioti commenta: «Me ne fa ridere solo uno, non dirò mai quale. Hanno riproposto al cinema quello che fanno in tv, li sono andati a vedere i ragazzini, che invece non hanno apprezzato il cambiamento di Vacanze di Natale. Forse quello è un pubblico che si sta allontanando da una formula di commedia più classica».

Back to top